• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Un dono per Natale
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Un dono per Natale

È da tanto tempo che scrivo e mi adopero contro l'abbandono, spesso le campagne falliscono perché l'impulso a liberarsi di qualcosa che non piace è troppo forte. Ho adoperato di proposito il termine qualcosa perché chi abbandona considera l'animale, carino, dolce, tenero e simpatico, solo come un un oggetto e, si sa, gli oggetti sono intercambiabili: se non piacciono più esiste la discarica. Chi abbandona compie un'azione del genere, butta via un animale da compagnia che ha acquistato erroneamente o gli è stato donato per errore, lo fa quando si accorge che è un gran sacrificio accudirlo, nel bene e nel male. L'animale che ci si porta a casa non è sempre in ottima forma, a volte si ammala, altre come nel caso del cane deve uscire minimo tre volte al giorno. Insomma non sono tutte rose e fiori. In questo spazio non vi dirò le cause della triste e sciagurata azione che certi esseri umani compiono incuranti di ogni regola civile e morale, mi limito solo a segnalarvi l'esistenza di cuccioli-giocattolo che sembrano veri, addirittura respirano, ce ne sono di tante razze sia cani che gatti. Un giocattolo educativo per prendere confidenza con un aspetto fondamentale: i cani e i gatti veri sono vivi, provano gioia e dolore, questi invece sono solo pupazzi e se non dovessero trovare il giusto riscontro, nonostante la loro bellezza, nessuno di loro soffrirebbe. Per chi invece ama godersi un momento di piacere, giocando ad avere un cucciolo, trova in questo peluche la soddisfazione che andava cercando e chissà che non sia il primo passo verso il rispetto per un animale vivo e un'adozione consapevole di un piccolo e indifeso animale. I canili sono straboccanti...

Maria Giovanna Farina

per info http://www.perfectpetzzz.it/

Chiedi informazioni Stampa la pagina