• facebook

Home » Donne Oggi » Democrazia paritaria » APERTURA CALL PER LA RICERCA DU UNA GARANTE DEI DIRITTI, PER OGNI REGIONE #statigeneralidonnehub
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

APERTURA CALL PER LA RICERCA DU UNA GARANTE DEI DIRITTI, PER OGNI REGIONE #statigeneralidonnehub

Apertura di una call per la costituzione di un Comitato delle Garanti

Per partecipare alla selezione, che avverrà il giorno 1 marzo 2020, ad opera ed insindacabile giudizio del Cda degli Stati Generali delle donne hub, si chiede l'invio, alla mail isa.maggi.statigeneralidonne@gmail.com, entro le ore 24 del 15 febbraio 2020, della propria lettera di candidatura con la descrizione delle proprie motivazioni e allegando il proprio cv.

La garante/il garante ha la funzione di garantire, in accordo e in collaborazione con il CdA di SGD Hub, l'effettività del principio di parità di trattamento fra le persone, di vigilare sull'operatività degli strumenti di tutela vigenti in ogni Regione Italiana contro le discriminazioni nonché di contribuire a rimuovere, rendendo pubblico il caso e prendendo contatti con gli Uffici regionali e nazionali preposti, le discriminazioni fondate sul genere.

Il servizio reso dalle garanti è gratuito.

Ai fini dello svolgimento dei compiti il Comitato delle garanti potrà:

a) organizzare un servizio per la tutela della parità di trattamento attraverso la gestione di un sito internet o di una linea telefonica gratuita per la raccolta delle segnalazioni in ordine a casi di discriminazione; esame ed analisi delle segnalazioni ricevute, Regione per Regione, senza sovrapporsi o sostituirsi con gli organismi preposti istituzionalemente ma in stretta collaborazione con enti ed Associazioni;

b) organizzare attività informativa relativa all'assistenza nei procedimenti giurisdizionali o amministrativi delle persone che si ritengono lese da comportamenti discriminatori;

c) le garanti potranno effettuare la predisposizione di pareri, consulenze ed osservazioni da rendersi anche in giudizio, chiedendo collaborazione agli Uffici nazionali e regionali preposti istituzionalmente;

d) le garanti potranno svolgere attività relativa alla stipula di accordi o protocolli di intesa con le associazioni senza fine di lucro e con gli enti territoriali al fine di promuovere l'adozione di azioni positive nell'ambito del settore privato-sociale e dei diversi livelli territoriali di Governo, in partnership;

e) le garanti potranno svolgere attività di gestione di una banca dati per il monitoraggio delle azioni svolte;

f) le garanti potranno svolgere attività di servizio studi, ricerche e relazioni istituzionali: promozione di studi, ricerche, corsi di formazione e scambi di esperienze, anche con analoghe associazioni estere, in collaborazione con le Università,gli Enti, altre associazioni senza fine di lucro e con gli istituti nazionali di rilevazione statistica;

g) le garanti potranno elaborare linee guida volte a radicare la consapevolezza dei diritti connessi all'attuazione del principio di parità, promuovere campagne di sensibilizzazione, informazione e comunicazione pubblica.

Chiedi informazioni Stampa la pagina