• facebook

Home » Donne Oggi » Donne e politica » Elezioni 20-21 settembre 2020: #PattodelleDonne per la Liguria
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Elezioni 20-21 settembre 2020: #PattodelleDonne per la Liguria

le proposte degli Stati Generali delle Donne

Ai Sigg. Candidati Presidenti
Loro sedi


Il documento allegato contiene le proposte che Stati Generali delle Donne
indirizza ai candidati Presidenti ,
ai candidati e alle candidate alle prossime Elezioni Regionali in Liguria, che per
effetto del lockdown per la pandemia da Covid-19, sono state rinviate a settembre
2020.
Chiediamo ai candidati Presidenti,
ai candidati/e tutti di di sostenere questo Patto delle Donne Liguria
impegnandosi a concretizzarlo
discutendo anche eventuali modifiche, migliori soluzioni e quanto altro
Stati Generali delle Donne chiedono , a chi sarà eletto Presidente della Regione , un
incontro per discutere come pensiamo che si debba investire nei diritti delle donne e
nei settori economici connessi a quei valori di cui sono tradizionalmente portatrici,
come la sostenibilità e
la salvaguardia dell'ambiente, il mantenimento della biodiversità, la cura dei beni
comuni, insieme alle istanze egualitarie e democratiche.

Per leggere e sottoscrivere, il #Patto è scaricabile qui:
PATTO donne Liguriahttps://www.statigeneralidelledonne.com/wp-content/uploads/2020/08/PATTO-donne-Liguria.pdf

PATTO DELLE DONNE DELLA LIGURIA PER LE DONNE
a cura del gruppo Liguria degli Stati Generali delle donne

LIGURIA, il contesto

Oggi più di prima è necessario ripartire con le donne dalle donne per dare un nuovo input alle
attività di tipo educativo, informativo, promozionale, potenziando la capacità trasformativa e
innovativa del mercato del lavoro che soltanto il mutamento culturale può condurre a realizzare. Per
iniziare diventa fondamentale osservare i contesti, coloro che li abitano, comprendere la complessità
delle disuguaglianze tanto più acute quanto più fitte sono le reciproche intersezioni che le
connotano. Significa facilitare relazioni, costruire network, ascoltare esperienze, valorizzare le
energie positive dei territori, osservare ciò che già si fa per trasformarlo da azione episodica in
azione sistemica, da esperienza/esperimento a buona prassi esportabile, ampliabile, strutturabile in
altri contesti.
Le donne hanno per ragioni culturali, sociali e anche biologiche maggiori propensioni alle relazioni,
possiedono spiccate capacità di lavoro in network, sanno costruire ponti, condividono esperienze,
non temono i cambiamenti e le innovazioni, meno che mai le innovazioni sociali. E' una
caratteristica che deriva loro dall'essere empatiche, cooperative, più orientate alle persone e alla
qualità delle relazioni che non soltanto alla remuneratività economica e all'efficienza tecnica.
Da sempre il lavoro delle donne costituisce un elemento culturale rilevante per la storia e
l'economia dei popoli, una risorsa, spesso, per la costruzione di identità, memoria e appartenenza
sociale.
In epoca di crisi la nuova "cultura di fare impresa", che resiste nonostante le difficoltà, è legata
molte volte al saper fare delle donne, all'abilità di "mescolare" e di "contaminare" sapientemente
ingredienti e saperi in un movimento continuo di ricerca di equilibri, di sapori, di colori, di forme,
di grandi idealità.
Attraverso il processo del lavoro si radica il proprio vissuto di donna in uno specifico contesto
storico-geografico perché il lavoro delle donne nasce dalla tradizione, dalla fantasia, dalla passione,
dall'amore e si fa, con l'innovazione, nuova economia.
Sostenendo il percorso del lavoro delle donne e partendo dal presupposto che queste ultime
rappresentano una risorsa fondamentale per la crescita e lo sviluppo del nostro territorio, si ritiene
determinante potenziare i loro talenti e le loro competenze a garanzia di uno slancio dell'economia
e del benessere collettivo.
Partendo quindi da queste considerazioni di carattere generale circa l'importanza di avviare
politiche con e per le donne, si è pensato di "aggregare donne" intorno ad un progetto volto da un
lato promuovere nel settore turistico l'imprenditoria femminile già esistente, ampliandone le
possibilità di crescita, dall'altro accrescere la cultura imprenditoriale tra le giovani donne e quelle
adulte disoccupate, supportandole nella creazione di nuove imprese sostenibili, offrendo così
un'opportunità occupazionale.
Il turismo rappresenta un'occasione per migliorare le politiche di sviluppo territoriale, sociale ed
economico, sempre e comunque basato sul criterio della sostenibilità che lo rende tale da prevedere
una gestione delle risorse per assicurarne la redditività, la salvaguardia del capitale naturale,
culturale e delle identità territoriali.
Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una grande fragilità economica delle imprese legate al
turismo e a deboli tentativi di crescita economica e di creazione d'impresa, senza una reale e
concreta progettualità che metta in rete le reali risorse naturali e culturali, potenziando lo sviluppo
di un "turismo intelligente", che tenga conto della trasferibilità delle esperienze, la
destagionalizzazione dell'offerta turistica, della messa in rete delle iniziative, dell'interscambio
delle risorse tra la costa e l'entroterra.
Il turismo inoltre deve diventare volano per significative opportunità lavorative, creazione di start
up, quindi, ed innovazione e crescita di imprese già esistenti, sempre in un'ottica di conservazione e
valorizzazione delle tradizioni e delle identità culturali, così da sviluppare un'economia intelligente,
che diventa base dell'imprenditoria creativa al femminile.

FINALITA'

Conservare, proteggere, promuovere e sviluppare il patrimonio naturale e culturale, favorendone lo
sviluppo del turismo dalla costa alla montagna sulla direttiva dei parchi liguri.

OBIETTIVI

 Promuovere una politica occupazionale sostenibile ed ecocompatibile sul territorio ligure,
incentivando azioni volte a creare un'offerta turistica sostenibile e responsabile;
 Favorire lo sviluppo delle imprese femminili, con la conseguente creazione di nuovi posti di
lavoro, nel settore della ricettività turistica;
 Sviluppare approcci e strategie che consentano una migliore pianificazione e gestione delle
attività turistiche mettendo in rete le strutture ricettive a titolarità femminile presenti in
Liguria;
 Sostenere lo sviluppo di una rete delle strutture ricettive a titolarità femminile che colleghi il
mare all'entroterra, all'interno di una rete turistica più ampia;
 Promuovere la sinergia tra pubblico e privato per uno sviluppo turistico sostenibile che
colleghi le risorse naturalistiche (sentieri, parchi, riserve), le risorse turistiche culturali ed
artistiche (musei, siti religiosi, patrimonio culturale), l'offerta turistica (ricettiva,
ristorazione, guide) fra l'entroterra e il mare;
 Caratterizzare ed identificare la strada del turismo sostenibile promosso dalle donne in
un'ottica di "ospitalità gentile"


AZIONI VOLTE ALLA PROMOZIONE E SVILUPPO DELLE IMPRESE FEMMINILI

 Incentivi alle Aziende e attività ricettive che si impegnano particolarmente nella produzione
e trasformazione dei prodotti a forte identità territoriale
 Costituzione di Consorzi/Associazioni per le seguenti attività:
 promozione e commercializzazione prodotti locali
 Mappatura dell'esistente in termini di risorse naturalistiche (sentieri, parchi, riserve), risorse
turistiche culturali ed artistiche (musei, siti religiosi, patrimonio culturale), offerta turistica
(ricettiva, ristorazione, guide)
 Ampliamento Banda Larga su tutto il territorio per migliorare la copertura Internet e
Telefonica consentendo una maggiore visibilità per le attività turistiche e opportunità di
lavoro per chi opera on- line, favorendo così un utilizzo responsabile del web 2.0
 Pubblicazioni e guide specifiche
 Pubblicazione carta dei servizi, codice etico, bilancio sociale
 Attività di promozione turistica (sito, dépliant, cartine, ufficio stampa, ecc. .)
 Accoglienza (accessibilità e segnaletica, servizi per famiglie, servizi per disabili)
 Cartellonistica
 Programmazione e realizzazione eventi e manifestazioni
 Attività di animazione e laboratoriale per fasce di età diverse
 Attività di educazione all'etica ambientale
 Attività di formazione professionalizzante, rivolta all'implementazione della competenza
etica e della responsabilità sociale d'impresa
 Potenziamento attrezzature per attività sportiva
 Potenziamento strutture turistico ricettive
 Promuovere azioni di recupero del patrimonio edilizio volto a creare strutture ricettive
 Promuovere strutture c.d., alberghi diffusi
 Sostegno alle imprese a vocazione agro-alimentare, che rafforzano un sistema produttivo
integrato, valorizzando le risorse e le vocazioni territoriali
 Creazione di un Centro studi di Etica applicate, con particolare riferimento all'etica della
bio-cultura, all'etica dell'alimentazione, alla bioetica animale e ambientale.
 Informazione ed assistenza per mettere le aziende in rete in modo che rendendosi più "forti"
meglio possano affrontare il mercato di riferimento
 Informazione e formazione in materia di contrattualistica e politiche attive per il lavoro
efficiente anche attraverso il privato
 Formazione per l'individuazione di tecniche di work-life balance, rimodulazione degli orari,
i tutto per sostenere il benessere del lavoratore, della famiglia e, in fondo della 'impresa e
della società
 Formare con la collaborazione ampi delle professioniste ordinistiche una rete di
informazione e formazione per le donne in materia si scienze sociali
 Formare una rete di "protezione" e supporto alle imprese e a coloro che intendano abilitarsi
per l esercizio di una professione
 Formare una rete pubblico/privata di protezione contro la violenza sulle donne (lati senso) e
monitoraggio
 Formare ed informare sull'esatta valenza della diversità di genere

POLITICHE PER E VERSO IL LAVORO

Un ambito che, in un certo senso, è interessato da tutte le trasformazioni e sfide è quello del mondo
del lavoro: le lavoratrici si muovono, sono componenti di tante famiglie, hanno problemi di cura di
figli e genitori, appartengono ad etnie molteplici, hanno diverse competenze
scolastiche/universitarie, utilizzano software e strade informatiche, hanno diritto a tempi di svago e
cultura, hanno il problema di essere economisti perché devono gestire il bilancio familiare che è
cosa non certo facile; devono risolvere ogni giorno i tanti problemi della casa e così via.
Una lavoratrice non ha mai il tempo di annoiarsi.
Sono messe in luce tutte le problematiche in un Paese, in particolare dove la competitività si è
giocata, diversamente dagli altri Paesi, sui salari, ovvero comprimendoli e non sviluppando
organizzazione del lavoro e aziendale. Nelle aziende si incontrano direttori del personale ancora
legati a come si pensava venti/trent' anni fa, mentre occorrono persone in linea con le nuove forme
di organizzazione aziendale.
Penso ad un toyotismo effettivo (si veda il Politecnico di Milano - organizzazione aziendale e dl
lavoro), non mal interpretato come fanno alcuni. Dove lo si è applicato correttamente i risultati
sono veramente importanti. Occorre dare comfort alle lavoratrici âgé, dar forza alla formazione
continua per l'acquisizione di competenze nuove (anche nei periodi in cui si può essere in stand by
dal lavoro). Che dire poi della conciliazione tempi lavoro/famiglia su cui poco si riflette e del fatto,
irrisolto delle giovani che, con difficoltà, riescono ad entrare nel mondo del lavoro e quasi sempre
con rapporti di lavoro instabili e precari. E che dire poi dei c.d. NEET (Neither in Employment nor
in Education or Training)?
È il nostro sistema, a partire da quello scolastico, che dovrebbe aiutarci, dando la possibilità ai
ragazzi di usufruire di "orientatori" (in Germania, Francia e Regno Unito sono molti diffusi) che li
aiutino a comprendere quali sono i loro "talenti veri", consentendo loro di seguire percorsi di studio
coerenti. Le aziende possono aiutarci accogliendole in azienda per periodi più o meno lunghi
(l'alternanza scuola lavoro va potenziata e non depotenziata), durante i quali non solo far conoscere
il mondo del lavoro ma anche per conoscersi reciprocamente e pensare ad un futuro inserimento
aziendale. I centri per l'impiego, e qui mi rivolgo a tutti coloro che a vario titolo (pubblico e
privato) si occupano di collocare e ricollocare, devono offrire anche percorsi formativi necessari per
"rinverdire" le competenze o insegnarne di nuove. Sono le lavortrici stesse che devono
autovalutarsi e seguire percorsi formativi utili, soprattutto quelli posti in essere dalle aziende
attraverso i fondi di categoria e/o interprofessionali. Occorre infine una maggiore attenzione alla
introduzione di un welfare aziendale fatto su misura azienda per azienda, intervenendo
sull'aggiornamento anche dei datori di lavoro.
È necessario che tutti i soggetti della "galassia lavoro" riflettano individuando una linea su cui poter
programmare il lavoro: penso ad una massiccia presenza di orientatori e certificatori di competenze
tempo per tempo; a uffici (pubblici e privati) che, interagendo con le aziende, possano individuare
percorsi formativi richiesti dal territorio e collochino le persone anche con percorsi che partono da
tirocini, per continuare con apprendistato, quindi qualifica e inserimento in azienda. Questi stessi
soggetti dovrebbero essere pronti a riprendere in carico e formare con nuove eventuali competenze
(attraverso enti di formazione e università tramite corsi brevi) chi venisse espulsa
momentaneamente dal mondo del lavoro per ricollocarli e così via.
Si attuerebbe così una formazione continua assolutamente mirata alla occupabilità delle lavoratrici
che dobbiamo mirare a difendere, ancor più del posto di lavoro. Così otterremmo anche, di riflesso,
che nessuna lavoratrice sia tesa per il timore di perdere il posto di lavoro, perché saprebbe di essere
protetto da una rete che la reintrodurrà, fornendogli in più migliori competenze. A completamento,
dovrebbe essere introdotte misure di welfare e previsti tanti colloqui con i dipendenti per definire i
migliori tempi di lavoro/famiglia. Un responsabile HR (Human Resources), anche nella forma di
temporary manager, che le aziende potrebbero inserire, anche se piccole, perché sarebbe un costo
condiviso e sopportabile, potrebbe aiutare le imprese a muoversi meglio nel mondo del lavoro
nazionale e non. Altre opzioni sono affidare ad una coach esperta il compito di "allenare" al meglio
i team aziendali; chiedere a un facilitatore di aiutare il management a fare le giuste scelte. Se ben
studiati, questi possono essere approcci accessibili anche alle piccole e micro aziende che formano
oltre l'80% del tessuto economico genovese, ligure e del Paese tutto.

Luglio 2020
Gruppo Liguria degli Stati Generali delle Donne - Alleanza delle donne

Per il gruppo
Laura Amoretti - Luisella Dellepiane - Federica Dellepiane -Alessandra Del Monte - Manuela
Facco Laura Notarianni - Elena Roveta - Maria Carla Sbolci - Alessandra Tomellieri

Per la segreteria Nazionale
ISA MAGGI , segretaria nazionale Stati Generali delle Donne

Chiedi informazioni Stampa la pagina