• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Ursula Hirschmann. Una donna per l'Europa
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Ursula Hirschmann. Una donna per l'Europa

di Silvana Boccanfuso - Ed. Ultima spiaggia



Nel giugno 1933 una giovane socialista berlinese di buona famiglia, Ursula Hirschmann, lasciava la sua città per sfuggire alle persecuzioni politiche e razziali. Avrebbe rivisto Berlino solo negli anni Cinquanta. Cominciava una straordinaria avventura umana e politica che avrebbe portato Ursula prima a Parigi, poi in Italia, poi in Svizzera, infine in Italia, fino alla scomparsa nel 1991.

Moglie prima del filosofo antifascista Eugenio Colorni e poi del grande europeista Altiero Spinelli, madre di sei figlie, raffinata intellettuale e attivista politica, Ursula è il simbolo di una generazione che ha "cambiato più volte di frontiera che di scarpe", per usare parole di Bertolt Brecht, e che quindi aspira a un'Europa unita. E in Ursula questa aspirazione si traduce da subito - e per sempre - in azione, trovando la sua più compiuta espressione nella fondazione, a metà degli anni Sessanta, del gruppo d'iniziativa "Femmes pour l'Europe". Creato coniugando in modo originale federalismo e femminismo, fu il tentativo di una donna, impegnata nella battaglia per gli Stati Uniti d'Europa fin dai suoi esordi, di dare forma nuova e rinnovato vigore alla ricerca di una patria europea.

Chiedi informazioni Stampa la pagina