• facebook

Home » Attualità » Comunicati - Appelli » SGD: Il futuro dell'Europa, con le donne!
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

SGD: Il futuro dell'Europa, con le donne!

Comunicato

Oggi la Presidente Ursula von Der Leyen ha rilanciato.

Adesso è il momento di andare avanti e di avviare la Conferenza sul futuro dell'Europa, con le donne!

SOTEU 2020 - L'EUROPA SARÀ CIÒ CHE NOI VORREMO CHE SIA

Il momento e' adesso

RENDIAMOLA PIÙ FORTE E COSTRUIAMO INSIEME IL MONDO IN CUI VOGLIAMO VIVERE

#statigeneralidelledonne

#pattodelledonne per l'Europa che verrà

Il 21 luglio 2020, i leader dell'UE hanno raggiunto un accordo sul Piano europeo di ripresa, la Next Generation EU, con un budget totale di 750 miliardi di euro, di cui 360 miliardi dovrebbero essere distribuiti come prestiti e 390 miliardi come sovvenzioni. L'obiettivo della Next Generation EU è quello di affrontare gli effetti della crisi COVID-19 e supportare i cittadini ele cittadine, le imprese e le pubbliche amministrazioni per superare questa sfida storica.

Come affermato nelle conclusioni del Consiglio europeo: il piano per la ripresa europea richiederà massicci investimenti pubblici e privati a livello europeo per avviare saldamente l'Unione sulla strada di una ripresa sostenibile e resiliente, creando posti di lavoro e riparando i danni immediati causati dal COVID- 19 pandemia sostenendo nel contempo le priorità verdi e digitali dell'Unione. Lo strumento principale di questo piano di ripresa sarà il Recovery and Resilience Facility (RRF) che avrà un budget di 672,2 miliardi di euro. Per garantire una risposta rapida alle attuali sfide urgenti, il Consiglio europeo ha convenuto di impegnare il 70% delle sovvenzioni fornite dall'RRF negli anni 2021 e 2022. Il restante 30% sarà impegnato nel 2023. Anche il Consiglio europeo ha raggiunto un accordo sulla sua posizione riguardo al bilancio a lungo termine dell'Unione europea: il quadro finanziario pluriennale 2021-2027 (QFP), che può essere oggetto di un'analisi separata.

Quali sono i prossimi passi per noi donne per trasformare in realtà il piano di ripresa dell'Europa?

A seguito dell'accordo raggiunto dai leader dell'UE, la Commissione, il Parlamento europeo e il Consiglio stanno negoziando per finalizzare urgentemente gli atti giuridici del piano di ripresa. Inoltre, una decisione sul sistema delle risorse proprie dell'Unione europea dovrebbe essere adottata e approvata quanto prima dagli Stati membri per garantire il finanziamento della Next Generation EU (NGEU).

Una volta che il piano di ripresa diventerà realtà, la sua gestione sarà altamente decentralizzata. Seguendo le linee guida dell'UE e dopo aver presentato alla Commissione i loro piani nazionali di ripresa e resilienza 2021-2023, gli Stati membri beneficeranno di una certa flessibilità per identificare e investire nelle loro esigenze e nei progetti strategici più urgenti. I piani nazionali di recupero e resilienza saranno valutati dalla Commissione Europea e saranno approvati dal Consiglio.

Imparare dall'esperienza passata: un appello per una ripresa equa e sostenibile con l'economia sociale

Stati Generali delle Donne chiedono alle istituzioni dell'UE di includere i progetti di economia femminile come priorità di investimento nei regolamenti "Next Generation EU".

Gli obiettivi strategici sono:

- Reindustrializzare i territori europei facendo leva sul loro capitale umano femminile attraverso l'imprenditorialità delle donne.

- Salvare posti di lavoro e imprese femminili trasferendo le imprese ai/alle propri/e dipendenti in caso di difficoltà

- Creare opportunità per tutte, concentrandosi sul lavoro e sulla qualità del lavoro e l'integrazione sociale delle persone a rischio di esclusione sociale, attraverso modelli di business competitivi.

- Accelerare la transizione verde dell'Europa, attraverso le comunità energetiche e le cooperative di energia rinnovabile, un motore chiave nella transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e da un mercato energetico centralizzato a un mercato decentralizzato, in cui i cittadini producono e consumano la propria energia.

- Garantire la coesione territoriale e sociale dell'Europa, offrendo opportunità economiche nelle aree spopolate dell'Europa.

- un'equa transizione digitale, sostenendo la creazione di piattaforme digitali europee che garantiscano condizioni di lavoro dignitose e al servizio delle comunità in cui operano. Noi auspichiamo che non si ricorra al 5G.

- Rafforzare i nostri sistemi di welfare e le infrastrutture sociali per bambini/e, anziani e disabili,in collaborazione con le autorità pubbliche.

Occorre coraggio e lungimiranza nella costruzione dei progetti e nel coinvolgere le organizzazioni femminili rappresentative nell'elaborazione dei Piani nazionali di ripresa e resilienza e all'interno della loro governance, mobilitando la loro esperienza e la loro capacità di contribuire alla ripresa equa e sostenibile dell'Europa.

Isa Maggi

#Statigeneralidelledonne

Chiedi informazioni Stampa la pagina