• facebook

Home » Attualità » Nel Mondo » Una Lucha. Con le donne zapatiste
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Una Lucha. Con le donne zapatiste

L'autunno è il momento che segna il passaggio morte/rinascita. Sembra contro-intuitivo, ma è così. È il momento in cui tutto, o quasi, in questo emisfero, ha finito di sbocciare e fruttificare; in cui si concludono i raccolti e si prepara la terra; in cui vengono abbandonate le strutture organiche che hanno finito il loro ciclo e la nuova vita si riorganizza e si predispone ai prossimi germogli. Nulla subisce battute di arresto, tutto prepara le nuove stagioni. Così le lotte e l'impegno della molta umanità organizzata a protezione della Terra, dei flussi della vita, del patto sacro con le forze che ci sostengono come specie, del buen vivir.
Le donne zapatiste ci hanno consegnato una piccola luce per ricordarci che la lotta è unica, in qualunque modo si manifesti, in qualunque tempo e geografia. Quella luce ci lega da sempre, è una eredità degli sforzi delle nostre antenate che vivono in noi, è il motivo per cui siamo qui ora, è ciò che abbiamo l'impegno di tenere acceso e consegnare al futuro. Ed è importante mantenerci intessute e vicine le une alle altre, specie nei momenti difficili, come quello che stanno vivendo le comunità zapatiste.
LEGGI ANCHE Femminismi, economia politica, ecologia Federica Giardini
Per questo il gruppo Mujeres Resistencias – Mujeres adherentes a la Sexta en Chiapas hanno invitato le donne del mondo a sottoscrivere una lettera di sorellanza con le donne, le bambine, le anziane che dal Chiapas ci chiamano e ci parlano, mantenendo viva quella fiamma, e a cui auguriamo la forza della rinascita.

Questo è il testo, firmato già da 118 collettivi e da 239 donne da tutto il mondo.
________________________________________


Alle donne zapatiste
Alle donne che abitano i diversi angoli del mondo
A chiunque ritiene di avere il cuore di una donna
Quelle di noi che aderiscono a questa Carta sono donne del Chiapas, del Messico e del Mondo, convocate dalla forza della "piccola luce" che ci hanno affidato le donne zapatiste al Primo Incontro Internazionale, Politico, Artistico, Sportivo e Culturale delle Donne che Lottano nel 2018, e anche dal messaggio di speranza e impegno per difendere la vita, che ci hanno dato al Secondo Incontro Internazionale Orme del Cammino della Comandanta Ramona nel 2019.
In questi momenti di Guerra verso di noi e Madre Terra, questi piccoli fuochi-luce si sono moltiplicati assieme con altre donne, ci siamo incontrate lungo la strada e ora siamo parte di un cuore collettivo. Da qui cerchiamo di illuminare in modo da non sentirci sole, in modo da non avere paura. E anche se questa lotta per la vita sembra molto dura in questa disgregazione che questo sistema criminale genera, abbiamo deciso di accendere le nostre lotte per la vita, la verità e la giustizia che merita il dolore di ogni donna in ogni mondo.
Compagne, ora, in questo contesto di pandemia, abbiamo ricevuto informazioni sulla riattivazione della Guerra nei confronti dei vostri corpi, famiglie, comunità e popoli zapatisti in diverse aree della Selva e degli Altos delle montagne del Chiapas, in Messico. Sappiamo che vengono attaccati da persone e gruppi che alimentano il sistema patriarcale per continuare a violentarci con il fuoco e privarci della nostra terra. Soffriamo nel vedere come è stato incendiato il Comedor Compañera Lucha, ubicato nel Centro de Comercio Nuevo Amanecer del Arco Iris. Per ciò che rappresenta come memoria viva per il nostro cuore.
Sorelle del mondo, nello scorrere del 2020, vediamo con rabbia e dolore come le nostre sorelle zapatiste continuano ad essere violate e attaccate da leader armati che agiscono con forme e modi appresi dal paramilitarismo, grano marcio incorporato da anni in questa Guerra Integrale di Logoramento in Chiapas, per educare e contaminare le persone che maltrattano i popoli e avvelenano la terra, le montagne, le foreste e i campi coltivati, ottenendo così accesso al potere e al denaro. E sentiamo il dolore della nostra Madre Terra che continua crudelmente ad essere sfruttata e avvelenata da tutta questa trama capitalista-patriarcale-coloniale attraverso i suoi Stati-narco-imprenditori, i suoi mega-progetti di morte, i suoi partiti politici e i suoi programmi canaglia.
Siamo con voi nel prenderci cura e nel camminare la speranza e la libertà che come donne meritiamo e necessitiamo per proteggere e difendere la vita. Continuiamo, come possiamo, ravvivando le nostre piccole luci e, dai nostri cuori e geografie, le portiamo fin dove siete, ricordandovi che non siete sole. Siamo convinte di "Lottare affinché mai più una donna al mondo, di qualunque colore, di qualunque taglia, di qualunque origine, si senta sola o abbia paura". Pertanto, ci assumiamo la responsabilità di continuare; denunciare, diffondere, difendere e riprodurre la vita affinché i bambini e le bambine che verranno possono vivere con tranquillità, libertà e giustizia.
Care sorelle del mondo e compagne zapatiste, con un affetto solidale e impegnato, ora vi diciamo: "che non siete sole, che abbiamo bisogno di voi, che ci mancate, che non vi dimentichiamo, che ci siete necessarie'".

fonte: https://comune-info.net/una-lucha-con-le-donne-zapatiste/?utm_source=mailpoet&utm_medium=email&utm_campaign=Una+Lucha.+Con+le+donne+zapatiste

Chiedi informazioni Stampa la pagina