• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Elsa Morante. Una vita per la letteratura
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Elsa Morante. Una vita per la letteratura

di René de Ceccatty - Neri Pozza ed.



"La vita privata di uno scrittore è pettegolezzo; e i pettegolezzi, chiunque riguardino, mi offendono": così Elsa Morante in un'intervista concessa a Enzo Siciliano nel 1972.
Una lapidaria affermazione, che René de Ceccatty non manca di citare nelle pagine di questo libro per mostrare quanto sia arduo il compito del biografo se ha come oggetto la vita di una scrittrice che, come scrive Sandra Petrignani nell'introduzione, "ha più di una volta depistato i curiosi, mescolando le acque su fatti e date della propria esistenza".
Ogni esperienza vissuta è, com'è noto, ben poca cosa rispetto alle ambizioni della letteratura, che non possono essere mai ricondotte ai meri fatti di un'esistenza. Tuttavia, se la biografia è anch'essa un genere letterario, illuminare l'esistenza di uno scrittore non ha nulla a che fare con il pettegolezzo, ma con quel punto oscuro tra la vita e la forza dell'immaginazione che è il luogo proprio della letteratura.
È quanto fa René de Ceccatty in questo libro quando, senza alcun timore, si avventura nell'infanzia di Elsa Morante per descrivere il suo ambivalente rapporto con la madre e quello complicato con i due padri, i fratelli e la sorella. Un'incursione che serve a svelare da quale zona d'ombra sorgerà poi una scrittura che "si insinua nei meandri della passione, del delirio, del terrore imposto o subíto", per celebrare "il trionfo dell'immaginazione" sulla deperibilità e sui compromessi triviali del mondo.
Oppure quando narra, ed è uno dei pregi maggiori di quest'opera, degli amori e delle amicizie della scrittrice. Amori per uomini impossibili, come Luchino Visconti e Bill Morrow, e amicizie grandiose e infime, prima fra tutte quella con Pier Paolo Pasolini, destinata a "spezzarsi nel risentimento e nella vendetta letteraria". Elsa Morante. Una vita per la letteratura, recita il titolo di questo libro, traducendo perfettamente il suo contenuto: il racconto della vita di una grande scrittrice, in cui le speranze, gli inganni e le illusioni proprie di ogni esistenza si mutano, nella trasfigurazione letteraria, in una sorgente infinita di narrazione e fascinazione.

Chiedi informazioni Stampa la pagina