• facebook

Home » Attualità » L'opinione » I tre giorni di Assisi. L'economia di Francesco, i giovani e l'economia delle donne.
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

I tre giorni di Assisi. L'economia di Francesco, i giovani e l'economia delle donne.

di Isa Maggi

STATI GENERALI DELLE DONNE

La pandemia Covid 19 sta imponendo un cambiamento nelle vite di tutte/i noi e nel modello economico a cui finora eravamo abituate ma che oggi mostra il suo fallimento.

Ripartire significa ripartire dalle donne, dallo sguardo del femminile, come abbiamo avuto modo di dire e dimostrare durante i 134 incontri che abbiamo realizzato nella nostra aula virtuale #statigeneralidonne on line già a partire dal 27 febbraio. Nei mesi del lockdown abbiamo dibattuto, studiato, approfondito confrontandoci con il nuovo scenario. Molte sono le proposte che sono emerse nell'ambito del lavoro, della cura, del management e dell'economia del dono con un occhio alla finanza e ai cambiamenti climatici, in una interconnessione profonda.

Il futuro, in questi tre giorni ad Assisi durante l'evento "The Economy of Francesco", è stato posto nelle speranze delle donne e dei giovani e nel loro voler disegnare un mondo nuovo, con entusiasmo e creatività cosi come Papa Francesco ci aveva chiesto di fare 5 anni fa, all'epoca della "Laudato si".

Per restituire un'anima all'economia l'enciclica "Fratelli tutti"(sorelle tutte) ci dà istruzioni pratiche per avviare una un'economia diversa che si prende CURA ( come noi donne sappiamo fare) della Madre Terra perché tutte noi siamo "attori economici", attraverso le decisioni che prendiamo ogni giorno nella sfera della produzione e del consumo.

E' nella lotta alle disuguaglianze che si costruisce la fraternità e la sorellanza e si creano le condizioni, vere, per nuove opportunità per noi donne.

Molti i "changemakers" che in questi tre giorni abbiamo visto e ascoltato nello spazio virtuale che da ogni parte del mondo si sono confrontati per creare cambiamenti e nuove attività economiche che mirano al bene comune all'interno di un'etica della solidarietà capace di vicinanza e di condivisione.

Tra i partecipanti abbiamo ascoltato l'economista inglese Kate Raworth, che ha elaborato una sua teoria, l"economia della ciambella", che individua il conseguimento di condizioni economiche migliori attraverso l'appianamento delle diseguaglianze e nel pieno rispetto delle risorse della Terra. Ospite di "The Economy of Francesco" è stato Stefano Zamagni, presidente della Pontificia Accademia delle scienze sociali, e molti altri esperti, come la professoressa canadese Jennifer Nedelsky, di cui è famoso il motto: "Lavoro part-time per tutti, attività di cura per tutti", cuore della sua filosofia.

"Nessuno si salva da solo", nella "profezia di un'economia attenta alla persona e all'ambiente".

Chiedi informazioni Stampa la pagina