• facebook

Home » Attualità » 8 MARZO TUTTO L'ANNO » L'8 Marzo nasce nel 1910
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

L'8 Marzo nasce nel 1910

di Maria Grazia Colombari

Copenaghen 28 agosto 1910: la Conferenza Internazionale delle Donne, su proposta della socialdemocratica tedesca Klara Zetkin istituì, la "Giornata internazionale della donna" e venne stabilita come data l'8 Marzo. Scopo dell'iniziativa era ottenere per le donne parità di trattamento rispetto agli uomini e l'estensione del diritto di voto. Klara Zetkin è stata una delle voci più importanti del movimento femminile nel panorama europeo inizio del XX secolo: anticipò le rivendicazioni che oggi vanno sotto il nome di "pari opportunità", si battè per una legislazione a protezione della donna lavoratrice, per l'educazione e la protezione dell'infanzia.

Dal 1891 al 1917 diresse un quotidiano femminista dal titolo emblematico: Die Gleicheit, Uguaglianza. l'UDI (Unione donne italiane) celebrò la Prima Giornata della donna nelle zone dell'Italia libera l'8 marzo del 1945 e nel 1946 questo giorno venne riconosciuto ufficialmente e la mimosa ne divenne il simbolo. Furono Teresa Noce, Rita Montagnana e Teresa Mattei, Deputate che facevano parte dell'Assemblea Costituente, a volere questo fiore come emblema del coraggio delle donne. La scelta della mimosa ha infatti un'importanza storica ben precisa. Era il fiore che i partigiani erano soliti regalare alle staffette. Ma cosa significa festeggiare l'8 marzo? Intanto è bene eliminare il termine "festa ": è fuorviante, offensivo ed inopportuno. L'8 marzo è, e dev'essere, la giornata che ripercorre la storia delle lotte femminili. S

crivere la storia dalla parte delle donne non vuole dire scrivere una storia diversa ed opposta alla Grande Storia e neppure vuol dire contrapposizione ideologica Scrivere la storia al femminile vuol dire restituire un quadro di verità a tante protagoniste, alcune sconosciute, altre più note dimenticate in un angolo della storia E allora ricordiamo il nome di alcune di loro: Anna Maria Mozzoni, Maria Montessori, Emmeline Pankurst ,Olympe de Gouges, Alexandra Kollontaj, Anna Kuliscioff e Lilly Ledbetter che, durante la Presidenza Obama, è riuscita a far approvare la legge, che porta il suo nome ,per la parità dei salari uomo/donna.
Le donne hanno dovuto lottare e, ahimè! lottano ancora non poco per vedersi riconosciuti quei diritti che agli uomini spettano invece, di diritto fin dalla nascita! Se fosse possibile per una donna scegliere lo stato in cui nascere, avrebbe seri problemi: infatti in ogni parte del mondo ci sono disparità di genere! L'8 marzo dobbiamo ricordare tutte quelle lavoratrici americane morte per aver avuto il coraggio di scioperare per le difficili condizioni di lavoro.
L'8 marzo dobbiamo ricordare la vita difficile delle mondine che con la loro determinazione e le loro forti proteste sono riuscite ad ottenere per tutti, uomini e donne, la riduzione della giornata lavorativa che a volta arrivava alle 13 ore ad 8 ore.

6 marzo 2021

Chiedi informazioni Stampa la pagina