• facebook

Home » Donne Oggi » Donne e politica » LE RICHIESTE PER IL GOVERNO DRAGHI - FORSE TUTTO E' ANCORA POSSIBILE MA DOBBIAMO COSTRUIRLO INSIEME #ORAOMAIPIU'
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

LE RICHIESTE PER IL GOVERNO DRAGHI - FORSE TUTTO E' ANCORA POSSIBILE MA DOBBIAMO COSTRUIRLO INSIEME #ORAOMAIPIU'

Stati Generali delle Donne Alleanza delle donne



Ecco la nostra prospettiva per l'Italia che verrà in cui non dovremo più scegliere tra lavoro e famiglia, tra crescita economica e tutela dell'ambiente. È imperativo lavorare per aumentare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e far progredire la leadership nel settore privato, migliorare l'accesso agli strumenti finanziari e adottare misure di equilibrio tra impegni di cura della famiglia con una nuova organizzazione e gestione del lavoro in ambito pubblico e privato, compresi i modelli part-time o smart-working, anche attraverso una riforma del sistema fiscale che possa sostenere efficacemente le responsabilità familiari condivise.

Noi donne siamo tra le più colpite dalla crisi Covid,ma ad oggi non abbiamo potere decisionale e i fondi #NextGenerationEU ci ignorano.Occorre far presto e ridurre l'impatto sociale ed economico della crisi pandemica.

Tutto è ancora possibile, ma dobbiamo costruirlo ora, insieme.

LE RICHIESTE PER
IL GOVERNO DRAGHI

Innalzare il potenziale di crescita dell'economia attraverso la creazione di occupazione femminile

Potenziare l'ecosistema delle imprese femminili con sostegni finanziari diretti ed erogazione di servizi reali

Investire sull'istruzione e la formazione delle donne e la riqualificazione della forza lavoro femminile

Sostenere la transizione verde e quella digitale con l'apporto della forza lavoro e professionale delle donne

Incentivare le filiere del made in Italy orientate al riuso, riciclo, durabilità e riparabilità dei prodotti

Migliorare la resilienza e la capacità di ripresa dell'Italia mettendo al centro il ruolo propulsivo delle Città

Investire per proteggere il 30% del nostro territorio, del nostro paesaggio entro il 2030 e rafforzare la tutela del patrimonio naturale italiano. Promuovere il turismo lento e sostenibile.

Promuovere la mobilità sostenibile e le aree verdi in città, dal centro alla periferia e le aree interne.

Chiedi informazioni Stampa la pagina