• facebook

Home » Attualità » Nel Mondo » Meno di 100 delle 700 giornaliste di Kabul lavorano ancora
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Meno di 100 delle 700 giornaliste di Kabul lavorano ancora

Reporters sans frontières (RSF) chiede ai talebani di fornire garanzie immediate per la libertà e la sicurezza delle giornaliste in Afghanistan, dove – nonostante le assicurazioni talebane che la libertà di stampa sarebbe stata rispettata e alle giornaliste sarebbe stato permesso di continuare a lavorare – un nuovo panorama mediatico sta emergendo da cui mancano.
Tra gli incidenti che hanno coinvolto le giornaliste afgane dopo la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto e gli ordini di rispettare le leggi islamiche, un'indagine di RSF ha stabilito che meno di 100 giornaliste lavorano ancora formalmente nelle stazioni radio e TV di proprietà privata nella capitale afghana.

Secondo un sondaggio di RSF e della sua organizzazione partner, il Center for the Protection of Afghan Women Journalists (CPAWJ), Kabul aveva 108 media con un totale di 4.940 dipendenti nel 2020. Tra questi 1.080 dipendenti di sesso femminile, di cui 700 erano giornalisti.

Delle 510 donne che lavoravano per otto dei più grandi media e gruppi di stampa, solo 76 (di cui 39 giornalisti) lavorano ancora. In altre parole, le giornaliste stanno scomparendo dalla capitale.

"Il rispetto dei talebani per il diritto fondamentale delle donne, comprese le giornaliste, di lavorare e esercitare la loro professione è una questione chiave", ha affermato il segretario generale di RSF Christophe Deloire. "Le giornaliste devono poter riprendere a lavorare senza subire vessazioni il prima possibile, perché è il loro diritto più basilare, perché è essenziale per il loro sostentamento, e anche perché la loro assenza dal panorama mediatico avrebbe l'effetto di mettere a tacere tutti gli afghani. donne. Esortiamo la leadership talebana a fornire garanzie immediate per la libertà e la sicurezza delle giornaliste".

La maggior parte delle giornaliste è stata costretta a smettere di lavorare nelle province, dove quasi tutti i media di proprietà privata hanno cessato di operare con l'avanzata delle forze talebane. Una manciata di queste giornaliste riesce ancora più o meno a lavorare da casa, ma non c'è paragone con il 2020, quando il sondaggio di RSF e CPAWJ ha stabilito che più di 1.700 donne lavoravano per i media in tre province (le province di Kabul, Herat e Balkh, a est, ovest e nord del Paese).

L'illusione della normalità durò solo pochi giorni. Quarantotto ore dopo che i talebani avevano preso il controllo della capitale, le giornaliste di canali televisivi di proprietà privata come Tolonews , Ariana News , Kabul News , Shamshad TV e Khurshid TV avevano osato riprendere a parlare in onda e ad uscire per coprire gli eventi . Ma i dirigenti dei media hanno subito scoperto di essere stati molestati. Nahid Bashardost , giornalista dell'agenzia di stampa indipendente Pajhwok, è stato picchiato dai talebani mentre svolgeva un servizio nei pressi dell'aeroporto di Kabul il 25 agosto. Altre donne giornaliste in lacrime hanno descritto come le guardie talebane di stanza fuori dai loro media abbiano impedito loro di uscire per coprire le storie.

Le giornaliste che parlano in onda in studio sono tollerate quasi quanto riferiscono sul campo. Una giornalista donna che lavora per una stazione radio nella provincia sudorientale di Ghazni ha detto che, due giorni dopo che i talebani hanno preso il controllo della sua provincia, hanno visitato la stazione e hanno avvertito: "Sei una stazione radio privata. Puoi continuare, ma senza alcuna voce di donna e senza musica".

È lo stesso a Kabul. Un talebano ha sostituito una conduttrice della Radio Television Afghanistan (RTA) di proprietà dello stato , a cui è stato detto di "restare a casa per qualche giorno". Ad un'altra ancora femminile è stato negato l'ingresso nell'edificio. RTA ha impiegato 140 giornaliste fino a metà agosto. Ora, nessuno di loro osa tornare a lavorare nei canali della TV di stato, che ora sono sotto il controllo dei talebani.

Dirigenti ed editori di testate private che non hanno ancora deciso di smettere di operare confermano che, sotto pressione, hanno consigliato alle loro giornaliste di restare a casa.

Zan TV (Dari per "Woman TV") e Bano TV (Dari per "Mrs TV") hanno cessato ogni attività dal 15 agosto. Questi due canali televisivi di proprietà privata impiegavano rispettivamente 35 e 47 giornaliste. Uno di questi giornalisti ha detto: "Era il lavoro perfetto per me. Volevo aiutare le donne. Ora non so se potrò mai tornare a lavorare". Privata del suo lavoro e del suo stipendio, ora affronta la prospettiva di un'estrema difficoltà economica, come molte altre giornaliste.

Nonostante gli impegni del portavoce talebano Zabihullah Mujahid che le donne sarebbero in grado di "tornare al lavoro in pochi giorni", nessuna misura in tal senso è stata annunciata, costringendo centinaia di giornaliste a rimanere a casa, temendo un futuro incerto.

Il 24 agosto, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha dichiarato: "Una linea rossa fondamentale sarà il trattamento riservato dai talebani a donne e ragazze e il rispetto dei loro diritti alla libertà, alla libertà di movimento, all'istruzione, all'espressione personale e al lavoro, guidati dalle norme internazionali sui diritti umani".

L'Afghanistan è stato classificato al 122° posto su 180 paesi nel World Press Freedom Index 2021 che RSF ha pubblicato ad aprile.

fonte: RSF Reporters withaut borders

Chiedi informazioni Stampa la pagina