• facebook

Home » Chi siamo » Direttore editoriale » Editoriali » Ieri » Un solo linguaggio per straniere e italiane
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Un solo linguaggio per straniere e italiane

E' nata a Roma, per impegno di un gruppo di donne italiane e straniere, da anni impegnate nel perseguimento di scopi sociali e civili a favore della donna sul territorio nazionale, l'Associazione "Donne senza Frontiere".

Decisamente fuori dagli schemi presenti nel panorama migratorio, che vedono la costituzione di gruppi di donne dello stesso gruppo etnico. l'associazione "Donne senza Frontiere" riunisce cittadine italiane e straniere per raggiungere obiettivi ed intenti comuni nel rispetto e nella valorizzazione della diversità. Obiettivi, quali l'appprofondimento e la conoscenza della condizione della donna immigrata, abbatiimento delle frontiere culturali e degli stereotipi che vedono la donna, e le donne immigrate in particolare, soggettto di curiosità, falsi concetti e prevenzioni. Ed insieme, la valorizzazione delle professsionalità, la realizzazione di attività ed iniziative che siano di sostegno ai problemi delle donne italiane e straniere. come l'assistenza ai figli delle lavoratrici. lo sviluppo di un'aggregazione culturale unitaria, la valorizzazione dell'identità femminile ed Il rispetto della parità dei diritti.

"Donne senza Frontiere" intende perseguire questi obiettivi attraverso una concreta attività di solidarietà sociale fra donne al di là delle frontiere geografiche e culturali ma, anche, al di là dei comuni stereotipi, che penalizzano tutte le donne ovunque esse siano.

Il dialogo fra donne è dunque alla base di questa associazione, un dialogo franco. teso a comprendere le difficoltà che ciascuna donna incontra nella vita di tutti i giorni e che pure può elevarsi al di là della quotidianità per le finalità civili e sociali che esso persegue. Un dialogo rispettoso dei valori religiosi, delle tradizioni,delle consuetudini per arricchire la comunità delle donne e l'intera società, che, riconosce nelle donne un punto fermo ed essenziale alla propria crescita culturale e civile.

Avanti!, 14-15 aprile 1991

Chiedi informazioni Stampa la pagina