• facebook

Home » Attualità » Nel Mondo » Melinda Gates (26 anni da Pechino): "Non importa dove nasci, la vita sarà più dura se sei donna"
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Melinda Gates (26 anni da Pechino): "Non importa dove nasci, la vita sarà più dura se sei donna"

di Maria Pia Rossignaud

"Le donne hanno bisogno di risultati e non di retorica", questo è il titolo scelto dal Corriere della Sera per diffondere in italiano il manifesto che Melinda French Gates ha pubblicato sul sito della Melinda & Gates Foundation. L'attenzione del quotidiano nazionale potrebbe voler dire che l'ex moglie del fondatore di Microsoft intende investire anche in Italia?

Lo spero. Intanto è bene ricordare con le parole di Melinda Gates che: "…gli attivisti per la parità di genere si riunirono a Pechino in occasione di una conferenza mondiale decisiva dedicata alle donne e alle ragazze per difendere una rivendicazione semplice: i diritti delle donne sono diritti umani. In risposta, i leader mondiali si impegnarono a promuovere l'indipendenza economica delle donne e ad adottare tutte le misure necessarie per eradicare qualsiasi forma di discriminazione contro le donne. Ma a tali annunci non seguirono nuovi mezzi finanziari né politiche di grande impatto. Per questo motivo, malgrado i graduali passi avanti compiuti, ciò che era vero nel 1995 resta vero ancora oggi: non importa dove nasci, la tua vita sarà più dura se sei una donna o una ragazza".

Tra il 30 giugno e il 2 luglio quest'anno, a Parigi e online in tutto il mondo, attivisti e leader insieme ancora una volta per dare una forma concreta alle promesse formulate una generazione fa a Pechino. Melinda Gates si è unita a loro in occasione del Generation Equality Forum che secondo una delle donne più ricche del mondo :"…permetterà di cominciare finalmente a colmare il divario tra ambizioni e azioni. Questo significa assumersi importanti impegni di finanziamento, creare programmi di politiche basati sui fatti per garantire che il cambiamento avvenga per davvero, e giungere a un piano condiviso che permetta a tutti di sentirsi responsabili dei risultati".

La speranza è nel recovery Fund europeo, noi donne italiane dobbiamo aprire gli occhi.

Media2000

Chiedi informazioni Stampa la pagina