• facebook

Home » Chi siamo » Direttore editoriale » Editoriali » Una cavalla di razza.
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Una cavalla di razza.

16-10-2014


Per le lettrici di Dols un ricordo di Mariella Gramaglia
Per le giovani lettrici di Dols e molte altre, questo nome forse non dice molto ma grazie ad Internet non sarà loro difficile sapere chi era, cosa ha fatto e perché ne parlo.
Considero le notizie ricavate dal web un prezioso ed ormai imprescindibile strumento di conoscenza a disposizione delle interessate/i e quindi non mi voglio dilungare a ripetere il lungo elenco delle belle cose da lei fatte. Credo invece di renderle un meritato ricordo nel rammentare la sua persona, per come l'ho conosciuta io.
Ci siamo incontrate negli anni '70. Eravamo entrambe impegnate, su sponde leggermente diverse, nella politica e nel sociale. La incontrai ad un dibattito, alla sala dei convegni della rivista socialista "Mondo operaio", molto attiva per gli incontri culturali e politici.
Ne avevo sentito parlare. Dicevano tutti che era molto brava, impegnata.
Al primo approccio non ebbi molta simpatia per lei; mi sembrò fredda, poco comunicativa con quella voce metallica che è stata una caratteristica che avvalorava invece i suoi pensieri saggi e profondi.
Ho continuato a non amarla e forse a considerarla una rivale. Vattela a pesca, come siamo fatte noi donne! Navigavamo per lo stesso mare del femminismo, della politica, della cultura riformista eppure non riuscivo a rompere il ghiaccio. Poi è accaduto quello che era giusto accadesse.
Perché la stima e l'intelligenza reciproca non poteva che sciogliere quel gelo.
L'ho rincontrata in un' altro convegno, entrambe incinte. Unite in uno dei più importanti accadimenti del femminile, nel portare in grembo un pezzo di futuro su cui scherzammo "Speriamo che sia femmina", al quale avremmo potuto insegnare le nostre idee e trasmettere le nostre faticose battaglie per un futuro migliore.
E' necessario non ignorare, nel passaggio degli anni, persone come lei, insieme a tantissime altre, che hanno lottato per cambiare l'immagine e la vita delle donne.
Per chi l'ha conosciuta rimangono di lei i ricordi, i suoi splendidi articoli, i suoi scritti e le sue parole; come a me che non molto tempo fa ebbi il piacere di presentare un libro insieme.
Alla nostalgiche, alle ricercatrici, alla sensibilità individuale, rimarranno sul web tracce di storia del movimento femminile e delle sue protagoniste, fra cui sicuramente Mariella. Ad alcune di quelle che della storia possono fare a meno perché troppo egoiste ed impegnate ad afferrare il presente, non rimarrà niente.

Chiedi informazioni Stampa la pagina