• facebook

Home » Attualità » Nel Mondo » TURCHIA: è iniziata l'invasione da parte dell'esercito turco
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

TURCHIA: è iniziata l'invasione da parte dell'esercito turco

Kongrea Star, l'organizzazione ombrello di tutte le donne in Rojava ha rilasciato il seguente comunicato stampa:

Kongra Star: "Alla nostra gente, all'opinione pubblica e alle donne" 10/10/2019

Lo Stato turco ha lanciato attacchi sul territorio del Rojava – Siria settentrionale e orientale bombardando il villaggio di Mishrafa nella città di Serekani alle 16:20 (9 ottobre 2019). Sulla base delle informazioni iniziali che abbiamo ricevuto, ci sono vittime e martiri tra i civili e le forze della SDF. È molto probabile che i feriti e i martiri tra i civili e le forze della SDF aumenteranno ogni secondo che rimaniamo in silenzio. In seguito a questo attacco, sono stati sparati mortai su Eyn Isa, Gire Spi, Qamishlo, Tirbespî e Dirbesiye. Attualmente, l'esercito di occupazione turco continua ad utilizzare aerei e obici per attaccare l'area di 460 km tra Derik e Grespi. Lo Stato turco, che ha sollevato segmenti del muro lungo la linea di confine, sta cercando di far passare bande che provengono da organizzazioni terroristiche in Rojava e nel Nordest della Siria. Di fronte alla legittima resistenza difensiva delle forze della SDF lungo l'intero confine l'esercito turco si sta attualmente concentrando sugli attacchi aerei.

Lo Stato turco sta chiaramente utilizzando la scusa del reinsediamento dei rifugiati in Turchia per avviare un processo di pulizia etnica contro i curdi in questa regione. È ormai una realtà ben nota che questo tentativo di genocidio etnico mira ad allontanare popoli di diverse fedi e identità culturali da queste terre. Nonostante questo, questi attacchi sono stati lanciati di fronte al mondo e in occasione del 20° anniversario dell'espulsione del leader curdo Abdullah Ocalan dalla Siria – l'inizio del complotto internazionale fu il 9 ottobre. Di fronte a
questi inumani attacchi gli antichi popoli che vivono in queste terre combatteranno fino alla fine senza rinunciare alla linea di resistenza e libertà. Lo hanno dimostrato con le loro azioni di pace e resistenza e con gli scudi umani che hanno fatto negli ultimi mesi. Oggi, prendono le loro armi e corrono in prima linea.

Nel nord-est della Siria, le donne sono state per le strade per mesi con lo slogan "Difendi la tua dignità e la tua terra, distruggiamo DAESH e l'occupazione". Perché i valori attaccati dallo Stato turco sono i valori della rivoluzione delle donne. Questi valori sono stati creati con il sangue mentre migliaia di martiri cadevano combattendo contro l'ISIS in nome dell'umanità e delle donne. Oggi hanno creato un'isola di libertà per la regione, per la Siria e per tutte le donne del mondo. Le donne possono raggiungere il loro sviluppo intellettuale, fisico e spirituale su quest'isola di libertà. Lo Stato turco, con la sua tradizione millenaria, sta attaccando le donne su quest'isola di libertà con una mentalità patriarcale dominante, che non riconosce le donne al di là di una filosofia che vede le donne come concubine o prostitute o spose-schiave. L'obiettivo è distruggere la società libera che si svilupperà sotto la guida di donne libere.

Per questi motivi, chiediamo a tutte le donne del mondo di proteggere ed espandere quest'isola di libertà, che è stata creata con grandi sacrifici per tutte noi. Invitiamo le donne di tutto il mondo a sviluppare attività ovunque nell'ambito della campagna 'Women Defend Rojava'. La Turchia vuole che il fascismo segni il primo quarto del ventunesimo secolo. Gli attacchi fascisti dello Stato turco rovinano costantemente le possibilità dei popoli del Medio Oriente di vivere insieme. Allo stesso tempo, sta tentando di impedire al Medio Oriente di raggiungere i suoi obiettivi rivoluzionari e l'unificazione dei valori della libertà e della democrazia tra i popoli del mondo. Naturalmente, sappiamo che lo Stato fascista turco è sostenuto da Stati reazionari e dalla NATO.

Per questo motivo, chiediamo a tutti i movimenti democratici, socialisti, rivoluzionari, femministi, anarchici ed ecologisti che vivono in Medio Oriente, Europa, Stati Uniti, America Latina, Asia, Africa e in tutto il mondo di sconfiggere con la resistenza il fascismo imposto dallo Stato turco. Chiediamo a tutti coloro che difendono i diritti dell'umanità per alzarsi e unirsi alla nostra resistenza per fermare l'invasione e l'operazione genocida iniziata dallo Stato fascista turco, con il sostegno e l'approvazione delle forze egemoniche mondiali.

I ricordi e i valori delle donne coinvolte in rivoluzioni e resistenze antifasciste in Spagna, Palestina, Russia, Vietnam, Cina, Cuba, Algeria, il Messico e innumerevoli paesi, sono stati riportati in vita con l'aiuto delle combattenti della YPJ che sconfiggono il fascismo dell' ISIS a Kobane. Le donne hanno resistito fino alla fine in Efrîn per gli stessi valori. Oggi, la comune resistenza delle donne e dei popoli del mondo può fermare lo stato fascista turco. Invitiamo tutte le donne del mondo ad unire le loro voci, le loro azioni e le loro energie
con le nostre, e per condurre la lotta comune dei popoli. Chiediamo a coloro che si oppongono al fascismo di aumentare le loro azioni e di esercitare pressioni sugli Stati dell'ONU e della NATO per impedire che lo Stato turco occupi le nostre terre nel nord-est della Siria e tenti un genocidio contro i curdi. Esortiamo anche i politici, le istituzioni e i governi che vogliono aiutarci a dimostrare le loro reazioni democratiche in modi più determinati ed efficaci.

Chiediamo al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che si riunirà domani, di porre fine a questi attacchi genocidi e sporchi. Chiediamo alle donne di tutto il mondo di alzarsi per far sentire la loro voce al Consiglio di sicurezza dell'ONU.

Twitter: @starrcogress
Facebook: Kongra Star Diplomacy
Instagram: @WomenDefend
Youtube: Women Defend Rojava
Contact
womendefendrojava@protonmail.com
womendefendrojava.net
KONGRA STAR

--------------------------------


La chiamata delle donne di Jinwar


Cari amici e amiche di Jinwar,

Come donne di Jinwar vi mandiamo un saluto e vi facciamo una chiamata.
Come avrete notato, le minacce turche di avviare un'offensiva in The Autonomous Administration of North and East Syria (NES) si sono intensificate. Questo tentativo di occupazione è un attacco diretto ed esistenziale alla nostra vita, ai nostri mezzi di esistenza, alla nostra società, alle nostre conquiste e alle nostre lotte come donne
Jinwar è solo uno degli spazi in pericolo di estinzione in caso di occupazione turca. Il villaggio si trova vicino al confine turco ed è l'Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale, che è stata ufficialmente fondata nel 2014 come progetto politico multietnico, radicato nella lotta storica del popolo curdo per il riconoscimento politico, l'uguaglianza e la democrazia .
Senza la rivoluzione del Rojava e le esperienze delle lotte delle donne in tutte le aree geografiche e nella storia, Jinwar non esisterebbe. Sono passati quasi tre anni da quando i primi preparativi sul terreno per la costruzione di Jinwar sono iniziati. Da allora si sono sviluppate molte cose, migliaia di persone sono venute a sostenere il progetto, il villaggio è cresciuto ed è diventato un luogo noto e vivace, importante per molti nella regione. Donne e bambini vivono qui, sviluppando la vita comune, imparando, condividendo, lavorando nei campi e nei giardini, nell'accademia, nella scuola, nel forno, nel negozio del villaggio, nel centro sanitario.

Jinwar rappresenta la realizzazione del sogno di una vita libera, la capacità delle donne di raccogliere la nostra forza e conoscenza e di sviluppare alternative comuni in ogni aspetto della vita, nonostante tutti gli attacchi e le difficoltà che sono parte del percorso.

Non possiamo accettare di perdere ciò che molte hanno costruito.
Chiediamo a tutte le donne e tutte le persone di sostenere la nostra resistenza.
Alziamo la voce e agiamo per la liberazione delle donne, lottiamo per alternative.
Difendiamoci dagli attacchi dello stato turco
e tutte le altre forme di violenza patriarcale e oppressione.

Jin, jiyan, azadî!

https://retejin.org/la-chiamata-delle-donne-di-jinwar/

Chiedi informazioni Stampa la pagina