• facebook

Home » Attualità » Appelli - Comunicati - Segnalazioni » Osservatorio interreligioso violenza sulle donne: Il nostro appello per i pericoli che corrono le donne
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Osservatorio interreligioso violenza sulle donne: Il nostro appello per i pericoli che corrono le donne

COMUNICATO STAMPA



Alle comunità RELIGIOSE e CIVILI: Non perdano l'occasione e agiscano!

Siamo in un tempo drammatico, un tempo inedito che incontra però una mostruosità che inedita non è: la violenza maschile sulle donne. Aumentano voci allarmate per il fondato sospetto (o per la presenza accertata) di un accentuarsi della violenza maschile domestica. I messaggi circolano da qualche giorno in social sensibili alla vita/salute delle donne – solo e di sfuggita in qualche organo di stampa, ma per nulla in TV. Quando abbiamo appreso le disposizioni emergenziali del governo, la nostra mente subito ha compiuto una associazione: la maggior parte (più dell'80%) di femminicidi maschili si consumano proprio tra le pareti domestiche. L'isolamento è una delle caratteristiche più comuni delle relazioni abusanti, ed è già dimostrato come la violenza domestica aumenti durante i periodi di vacanza dal lavoro esterno della donna. Le vittime, ora, sono ancora più vittime.

Un dramma che persiste da un tempo immemorabile (e si è incrementato nella contemporaneità), va ora a cozzare ancora più violentemente con la sventura generalizzata che stiamo vivendo. È vero che siamo tutti nella stessa barca, ma a qualcuna è stato imposto lo spazio di una cella sudicia, soffocante. La coscienza civile nel suo complesso pare non avvedersene. Ci è capitato di vedere un video in cui si mostrava una donna su un balcone che voleva suonare il flauto unendosi a chi, in solidarietà, celebrava l'inno nazionale. Un uomo la raggiunge e per due, tre volte la percuote. I due poi scompaiono. Chi filma il video ride divertito in compagnia di altri... e condivide nella rete l'episodio come esilarante. E l'episodio non è certo tra i più crudeli, ma sta a indicare quanto non ci si renda conto del dilemma vissuto da molte "cittadine": stare nelle case per non subire il contagio ma stare nelle case in un clima pericoloso, subendo la tortura di maltrattamenti, vessazioni, minacce e insulti. L'esperienza di pandemia che ci ha preceduto, nella provincia di Hubei, conferma un incremento delle violenze maschili. E rende tremendamente motivate le nostre apprensioni.

È un dramma che si aggiunge al dramma. Non possiamo tacerlo! La convivenza forzata potrebbe durare parecchio. Ci uniamo ad altre associazioni, la FDEI, Se non ora quando, We Word, la procuratrice Maria Letizia Mannella: ella raccomanda anche di evitare dopo le 18 di uscire di casa per fare le commissioni, per esempio andare in farmacia o al supermercato, e soprattutto di trovarsi in luoghi isolati la sera. Rivolgiamo in nostro APPELLO alle autorità RELIGIOSE e CIVILI. Non perdano l'occasione e agiscano. I rappresentanti autorevoli delle comunità religiose alzino la voce, sensibilizzando e responsabilizzando con parole ferme i fedeli maschi su questo tema. E sostengano, come possono, le fedeli femmine, togliendole in primis dall'insostenibile isolamento, e poi aiutandole concretamente. Le comunità religiose non dovrebbero abdicare a questo compito di opere di misericordia e mancare al sostegno a donne che vivono l'oppressione/violenza dei partner, e lo facciano mettendo in campo la dignità e la equità che il divino assegna a donne e uomini.

Offriamo le informazioni che ci fornisce D.i.Re (Donne in rete contro la violenza), associazione molto attiva in questo campo a cui siamo grate, e che il 17 marzo ha annunciato che "i Centri Antiviolenza della rete D.i.Re si sono organizzati per rispondere all'emergenza COVID-19 e alle disposizioni emanate dal governo con l'istituzione della zona rossa a livello nazionale, in modo da non lasciare sole le donne che hanno subito violenza". Sul sito potrete trovare sedi e centri cui rivolgersi. In Italia esiste un numero gratuito e multilingue, attivo 24 ore su 24, al quale è possibile rivolgersi se si ha bisogno di aiuto: 1522. È promosso dalla presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento per le Pari Opportunità. È anche possibile chattare con una delle operatrici; sullo stesso sito leggiamo la news (19 marzo) che la "Ministra Bonetti riunisce la cabina di regia; al via tavoli bilaterali e 10 milioni per un bando antiviolenza".

E infine un ultimo appello a noi tutte e tutti: "Se sentite rumori strani, chiamate la polizia. Le donne vittime di violenza non possono farlo".
Ci congediamo nello spirito della preghiera, e con un invito alla speranza.

Chiedi informazioni Stampa la pagina